Fantasia sotto il sole

Nessuno ha mai detto che dovessero essere a tinta unita. Né che la tinta dovesse essere neutra al punto da risultare invisibile. E infatti. E’ primavera anche per gli occhiali degli uomini, categoria solitamente restìa a cedere ai cambiamenti, se non dopo lunghe sollecitazioni. Ma la bella stagione stravolge le abitudini ed ecco che anche il sesso forte si lascia tentare: sul viso compaiono colori e forme, più o meno stravaganti. Originali, personalissime, nuove. Il tondo e la goccia sono sempre dei must, ma stavolta la montature (ed anche le lenti) si colorano, eccome. Non solo specchi o sfumature sul bruno, ma giallo, blu, rame. Piccoli o grandi, perfino grandissimi fino a coprire quasi l’intero viso. E non è tutto. C’è chi li ha immaginati in pendant con l’abbigliamento, al punto da riprendere la fantasia di pull e camice e contribuire all’effetto “senza soluzione di continuità”. Dove finisce la maglia ed iniziano gli occhiali? Difficile da dire. Almeno quando è difficile stabilire dove finiscano gli occhi ed inizi l’anima. Difficilissimo. Soprattutto a primavera.

(ph: dal sito http://www.fendi.com/it/galleries/man-fashion-show-ss16-backstage.html)