Diventa chi sei

Passare inosservati non si può. Lo avrete capito se avete seguito, anche distrattamente, qualunque approfondimento sulle sfilate in corso a Milano in questa settimana. Il fashion appuntamento si chiude oggi, è vero, ma ci sarà da parlare. E tanto. Ad esempio si dirà dell’invito, che proviene da tutti i marchi, a prendere una posizione. Ovvero: decidiamo chi vogliamo essere, perfino a quale epoca vogliamo appartenere. E poi vestiamoci di conseguenza. Che poi è un invito ad essere noi stessi fino in fondo senza timore. L’operazione diventa certosina, quasi artistica perché si trasforma in un lavoro di ricerca del singolo capo che, abbinato ad altri, rappresenti alla perfezione la nostra personalità più profonda, in tutti i suoi mille rivoli caratteriali. Così chi si sente figlio degli anni Settanta, lo potrà gridare al mondo attraverso il proprio outfit. Altrettanto potrà fare chi è più contemporaneo, e perfino avanguardista. Il punto non è guardare indietro o avanti attraverso le epoche: ma guardarsi dentro. Gli occhiali? La fanno da padroni, come sempre. Saranno importanti, anche nella prossima stagione. E dalle forma più varie: larghi, sottili, colorati, a fantasia. Saranno quelli che sentiamo più simili a noi. Del resto, si sa, con gli occhiali vale ciò che si dice per gli abiti da sposa: appena lo indossi, sai che è il tuo.

(ph: https://www.facebook.com/GUCCI/photos_stream)